Dott.sa Stefania De Chiara

Medico Chirurgo
Perfezionata in Dietologia Clinica
Master II livello internazionale

Stadtgasse, via centrale, 43 39031 Bruneck/Brunico (Bz)
s.dechiara@lifekey.it

Dott. Massimo Vitarelli

Laureato in Medicina e Chirurgia Esperto in Fisiologia dell’Esercizio Fisico
Stadtgasse, via centrale, 43 39031 Bruneck/Brunico (Bz)
m.vitarelli@lifekey.it

Alghe marine e terapia obesità

HomeUncategorizedAlghe marine e terapia obesità
alghe-marine-fanno-dimagrire-LiFEKEY

Alghe marine e terapia obesità

Alghe marine? Cosa sappiamo?

…In questo articolo vorrei spiegarvi come possono essere impiegate le alghe marine per il trattamento dell’obesità.

Le alghe sono una fonte eccellente di composti bioattivi, in particolare quelle brune. I principali sono fucoxantina, fluorotannina, fucoidano e alginati.

Anche se  noi occidentali  non siamo grandissimi consumatori di alghe, in paesi come il Giappone e la Corea servite in circa il 21% dei pasti quotidiani. Le principali alghe consumate includono Wakame (Undaria), Nori (Porphyra), Konbu (Laminaria) e Hijiki (Hizikia). Le alghe hanno un alto valore nutritivo grazie al loro alto contenuto di fibre, minerali e acidi grassi polinsaturi . Inoltre, contengono una varietà  di composti bioattivi come i fluorotannini e i polisaccaridi non presenti nelle piante terrestri, che possono svolgere un ruolo nella modulazione di malattie croniche , quali malattie cardiovascolari, iperlipidemia e cancro

Attualmente gli studi si stanno concentrando, su come utilizzare le alghe per gestire l’obesità e le malattie ad essa correlate. L’inibizione delle lipasi, in particolare la lipasi pancreatica è uno dei principali bersagli terapeutici dei farmaci anti-obesità . L’attuale farmaco anti-obesità  approvato sul mercato, orlistat, agisce attraverso questo meccanismo, ovvero bloccando in modo irreversibile la lipasi pancreatica.questo farmaco in realtà però ha degli effetti collaterali notali, quali malassorbimento di alcune vitamine( A-D-E-K) e aumento di  grasso fecale nell’intestino crasso che può favorire la carcinogenesi del colon.

In dettaglio verranno esaminati i composti bioattivi presenti nelle alghe marine: fucoxantina-alginati-fucoidani-clorotannini.

Tali composti bioattivi sono in grado di inibire selettivamente la Lipasi pancreatica, aumentare il senso di sazietà, modulare lo svuotamento gastrico e pertanto sono studiati come valida alternativa nella gestione di una sindrome così complessa come l’obesità, in contrapposizione a farmaci , come descritto sopra, che hanno anche un grande risvolto negativo, dovuto agli effetti collaterali.

1. Fucoxantina

La fucoxantina è un carotenoide marino presente principalmente nelle alghe brune e nelle diatomee, che rappresenta oltre il 10% del totale dei carotenoidi prodotti naturalmente . Si trova abbondantemente in alghe commestibili come Undaria pinnatifida, Laminaria digitata e Hijikia fusiformis . La fucoxantina è un potente composto antiossidante e ha una potenziale applicazione per la produzione di alimenti funzionali .L’assunzione di alga Wakame ricca di fucoxantina ha dimostrato di avere effetti anti-diabetici e anti-obesità  in modelli sperimentali di topi obesi. Altri effetti benefici osservati : miglioramento resistenza all’insulina,  riduzione della pressione sanguigna,  riduzione dei livelli sierici di adiponectina e leptina.

La formulazione commerciale della fucoxantina come nutraceutico con attività  anti-obesità è già  disponibile sul mercato. Il prodotto commerciale Xanthigen contiene una combinazione di fucoxantina e acido punico, un acido grasso presente nell’olio di melograno . Gli studi inerenti a questo prodotto hanno dimostrato la sua efficacia nel ridurre il grasso bianco, aumentare il grasso bruno, associato ad un miglioramento del dispendio energetico e a ridurre l’accumulo di grasso nel fegato, indotto dalla dieta.

2.Alginati

I potenziali benefici per la salute delle alghe sono in parte dovuti al loro alto contenuto di fibre alimentari, che non vengono digeriti in larga misura nell’intestino . Tali fibre possono aumentare la sensazione di sazietà . Gli alginati sono tra le fibre delle alghe che sono ben note per i loro effetti anti-obesità Gli alginati rappresentano fino al 40% del peso secco delle alghe brune . La maggior parte degli alginati utilizzati in commercio provengono da alghe brune dei generi Laminaria, Macrocystis, Ascophyllum e Lessonia . Gli alginati sono ampiamente utilizzati nell’industria alimentare come addensanti o stabilizzanti dell’emulsione nei prodotti alimentari. E’ stato dimostrato che l’integrazione di alginato dietetico aumenta la sazietà , riduce l’assunzione di cibo e supporta la riduzione del peso corporeo . I meccanismi coinvolti nell’esercitare l’ effetto riduzione senso di fame includono la ritardata clearance gastrica , la stimolazione dei recettori dello stiramento gastrico e l’attenuazione dell’assorbimento dei nutrienti a livello intestinale. La maggior parte degli studi sugli alginati sono stati condotti utilizzando formulazioni commerciali di bevande addizionate con alginati. In uno studio in doppio cieco randomizzato con placebo, ai soggetti è stato somministrato latte al cioccolato con alginato al 2,5%  e latte al cioccolato normale e si è riscontrato che la formulazione addizionata con alginato. riduceva l’appetito medio del 134% rispetto al solo latte al cioccolato .

Studi su animali e sull’uomo hanno anche dimostrato che il consumo di alginato mostra effetti benefici sull’assorbimento del glucosio postprandiale e sulla risposta all’insulina. E’ stato suggerito che l’effetto sia dovuto alle proprietà  gelificanti e alla viscosità  degli alginati, simile ad altre fibre alimentari come i beta glucani e la pectina 

3. Fucoidani

I fucoidani sono un tipo di polisaccaridi solfatati, costituiti da elevate quantità  di fucosio, che si trovano principalmente nella matrice extracellulare delle alghe brune . Questi polisaccaridi contengono anche una o più piccole proporzioni di gruppi D-xilosio, D-mannosio, D-galattosio, L-ramnosio, arabinosio, glucosio, acido D-glucoronico e acetile, che variano tra i diversi tipi di alghe. La maggior parte delle segnalazioni sulla bioattività  dei fucoidani è correlata all’attività  antitumorale . Tuttavia, ci sono anche studi che dimostrano che i fucoidani hanno effetti anti-obesità . Ad esempio, è stato dimostrato che i fucoidani estratti da Undaria pinnatifida hanno attività anti-adipogenica. Inoltre è stato anche scoperto che i fucoidani inibiscono l’accumulo di lipidi negli adipociti  e stimolano la lipolisi.

Vi sono stati studi limitati sui fucoidani in soggetti umani. e’ stato condotto uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco,  usando placebo e supplemento di fucoidani, su 25 soggetti umani obesi o in sovrappeso . La somministrazione di fucoidani durante il periodo di tre mesi ha comportato una riduzione della pressione diastolica e dei livelli di colesterolo LDL, aumento della secrezione di insulina e  diminuzione della resistenza insulina

4. Fluorotannini

I fluorotannini sono polifenoli a base di cloroglucinolo che si trovano comunemente nelle alghe brune. Si pensa che i composti siano prodotti dalle alghe per far fronte a condizioni di stress e per difendersi dagli erbivori . Le alghe brune che sono note per la produzione di folorotannini bioattivi comprendono Eisenia, Cicloclide, Ecklonia cava, Ecklonia stolonifera, Undaria pinnatifida, Sargassum thunbergii, Ishigeo kamurae e Laminaria japonica . Delle alghe brune, E. cava contiene la più alta quantità di clorotannini .

I fluorotannini alleviano l’obesità e i disturbi correlati all’obesità  attraverso diversi meccanismi, tra cui l’inibizione della lipasi pancreatica e l’inibizione della differenziazione degli adipociti. 

Cosa rende difficile l’utilizzo di alghe e loro derivati nella gestione dell’obesità?

Mentre i composti bioattivi delle alghe sopra menzionati mostrano un potenziale promettente come agenti anti-obesità , devono essere considerati fattori come la loro stabilità e biodisponibilità . E’ inoltre necessario sviluppare sistemi di rilascio efficaci per i composti algali. Ad esempio, l’ostacolo principale all’uso degli alginati per il trattamento dell’obesità  sembra essere il modo di introdurre la fibra nella dieta quotidiana . Mentre gli alginati sono stati aggiunti a cibi e bevande (ad es. Pane bianco), i prodotti arricchiti con alginato possono avere scarsa appetibilità e palatabilità . Inoltre, è necessario esplorare ulteriormente i nuovi sistemi di rilascio della fucoxantina poiché la biodisponibilità  del carotenoide si è dimostrata bassa nei soggetti umani .

 Conclusioni e prospettive future

Le alghe marine, grazie ai loro composti bioattivi: fucoxantina, alginati, fucoidani e fluorotannini, sono utili nella gestione del peso corporeo e dell’obesità e potrebbero essere impiegati sotto forma di nutraceutici o integratori alimentari. Tuttavia, sono ancora necessari ulteriori studi sull’uomo di più lunga durata per valutare l’efficacia e la sicurezza di tali composti. Integratori a base di alghe, vanno sempre assunti sotto controllo medico per evitare effetti indesiderati e dannosi. 

Dottoressa Stefania De Chiara

BIBLIOGRAFIA:

Awang, A.N.; Ng, J.L.; Matanjun, P.; Sulaiman, M.R.; Tan, T.S.; Ooi, Y.B. Anti-obesity property of the
brown seaweed, Sargassum polycystum using an in vivo animal model. J. Appl. Phycol. 2014, 26, 1043–1048.
[CrossRef] 


Grasa-López, A.; Miliar-García, A.; Quevedo-Corona, L.; Paniagua-Castro, N.; Escalona-Cardoso, G.;
Reyes-Maldonado, E.; Jaramillo-Flores, M. Undaria pinnatifida and fucoxanthin ameliorate lipogenesis and markers of both inflammation and cardiovascular dysfunction in an animal model of diet-induced obesity. Mar. Drugs 2016, 14, 148. [CrossRef] [PubMed]

Asai, A.; Sugawara, T.; Ono, H.; Nagao, A. Biotransformation of fucoxanthinol in amarouciaxanthin A in mice and Hep-G2 cells: Formation and cytotoxicity of fucoxanthin metabolites. Drug Metab. Dispos. 2004, 32, 205–211. [CrossRef] [PubMed] 

Marine Algae as a Potential Source for Anti-Obesity Agents Chu Wan-Loy1 and Phang Siew-Moi2,3,* Anake Kijjoa, Academic Editor

Cuong, H.D.; Thuy, T.T.; Huong, T.T.; Ly, B.M.; Van, T.T. Structure and hypolipidaemic activity of fucoidan
extracted from brown seaweed Sargassum henslowianum. Nat. Prod. Res. 2015, 29, 411–415. [CrossRef] [PubMed]

Hernández-Corona, D.M.; Martínez-Abundis, E.; González-Ortiz, M. Effect of fucoidan administration on insulin secretion and insulin resistance in overweight or obese adults. J. Med. Food 2014, 17, 830–832. [CrossRef] [PubMed]

Vo, T.S.; Kim, S.K. Potential anti-HIV agents from marine resources: An overview. Mar. Drugs 2010, 8, 2871–2892. [CrossRef] [PubMed] 


Peng, J.; Yuan, J.P.; Wu, C.F.; Wang, J.H. Fucoxanthin, a marine carotenoid present in brown seaweeds and diatoms: Metabolism and bioactivities relevant to human health. Mar. Drugs 2011, 9, 1806–1828. [CrossRef] [PubMed]

Salvia-Trujillo, L.; Sun, Q.; Um, B.H.; Park, Y.; McClements, D.J. In vitro and in vivo study of fucoxanthin bioavailability from nanoemulsion-based delivery systems: Impact of lipid carrier type. J. Funct. Foods 2015, 17, 293–304. [CrossRef]